Goloso e Curioso
IL CENTENARIO DELLA GUERRA SI CELEBRA SULL'ALPE CIMBRA

IL CENTENARIO DELLA GUERRA SI CELEBRA SULL'ALPE CIMBRA

Sono trascorsi cent’anni dalla fine del primo grande conflitto mondiale, un conflitto che sulle montagne dell’Alpe Cimbra ha lasciato innumerevoli tracce, in particolare i Forti, le sette fortezze austro-ungariche volute dal generale Conrad von Hötzendorf per impedire la temuta avanzata italiana su Trento. Quella che è stata la cintura fortificata più moderna e strutturata del Trentino è quest’anno una sorta di grande palcoscenico a cielo aperto sul quale, con percorsi teatrali, momenti emozionali e canori, si ricorda e si racconta il grande conflitto, un evento che cent’anni fa sconvolse la vita di questo lembo di territorio affacciato sul Veneto, all’epoca Regno d’Italia. Uno spettacolo avrà come palcoscenico Forte Belvedere lunedì 14 agosto, alle ore 17.00, con la rappresentazione "I pifferi di montagna vennero per suonare e furono suonati", musical – recital messo in scena dalla Compagnia d’Arte Pifferi. In caso di maltempo lo spettacolo sarà rappresentato al Centro Congressi, a Gionghi, ad ingresso libero. Forte Cherle sabato 19 agosto, alle 17.00, accoglierà i canti e le armonizzazioni del Coro Stella Alpina di Lavarone impegnato in un repertorio di canti di guerra raccolti dalla tradizione popolare. Nel programma delle rappresentazioni teatrali anche una vera trincea si farà palcoscenico, domenica 27 agosto, a Nosellari, con lo spettacolo itinerante "In grazia di mille casi, un racconto per musica e voci di vite vissute in guerra." La singolarità dei luoghi, cioè le trincee e i profondi ricoveri («stoi») scavati nella roccia, ritorneranno a riempirsi di voci, sussurri, preghiere, imprecazioni e lamenti… a raccontare l’ansia e il terrore della guerra combattuta in prima linea. Oltre che negli spettacoli su e dentro i Forti, per tutto il corso dell’estate sull’Alpe Cimbra il Centenario e la memoria della Grande Guerra saranno raccontati in un denso programma di eventi fatto di conferenze a tema tenute da esperti e storici di grande spessore, anche di livello nazionale, di escursioni e visite guidate ai Forti e di visite guidate ai percorsi tematici: tra le proposte più coinvolgenti figurano il Giro delle Teleferiche nell’alta valle del Rio Cavallo, tra Folgaria e Mezzomonte; il Giro delle Trincee nell’area di Nosellari; il richiestissimo e affascinante Giro della Forra del Lupo a Serrada, percorso che conduce l’escursionista in una profonda trincea scavata tra alte pareti di roccia; il Percorso dell’Ospedale dei cavalieri dell’Ordine di Malta a Lavarone, a ricordo dell’esteso ospedale militare che interessava l’area di Slaghenaufi e il percorso Dalle Storie alla Storia, a Lusérn (Dar Staige der Kriage, in cimbro), originale tracciato che, dal cuore della località cimbra, conduce fino all’imponente Forte Lusérn e agli avamposti Oberwiesen e Viaz accompagnati da singolari sagome artistiche, di acciaio e ceramica, che raccontano la sofferenza della popolazione civile, prima e dopo il grande conflitto. Sull’Alpe Cimbra la bellezza dei luoghi e dei panorami, la forza possente della montagna e le espressioni più vivide della natura ben si accompagnano al ricordo di quello che fu il grande conflitto. Perché la vacanza su queste alture non esclude le suggestioni della storia che possono essere colte anche nel corso di un'escursione solitaria, camminando o andando in Mtb, lungo uno dei tanti percorsi mappati e segnalati che raggiungono questo importante patrimonio oggi simbolo soprattutto di Pace.

Claudio Zeni


 

Tutti gli articoli >

ZeniClaudio
Il centenario della guerra si celebra sull'alpe cimbra

ZeniClaudio

ZeniClaudio

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’,  il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso  'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano). 

Inserisci il tuo commento

Titolo
Commento rilasciato da
Email
Commento
Valutazione

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy
Nome e Cognome
Email
Telefono
Paese
Messaggio

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy

CAPTCHA Image
[ Cambia codice ]

Per poter inviare il messaggio inserisci qui il codice di sicurezza
Editore

Editore del Goloso & Curioso è la ditta Colombo 3000, un gruppo aziendale che si occupa da oltre 10 anni della...Leggi tutto»

Iscriviti alla Newsletter