Goloso e Curioso
Roof Garden a Bergamo, un panorama di gusto al cospetto di Città Alta

Roof Garden a Bergamo, un panorama di gusto al cospetto di Città Alta

«I nostri piatti sono dedicati a chi vuole trovare sensazioni genuine e confortevoli a tavola, in un contesto affascinante, romantico e unico come quello del Roof Garden, dove tranquillità, poesia ed emozioni gastronomiche possono creare un’atmosfera da sogno, anzi - senza esagerare - mozzafiato».


Con queste parole apre la sua “Grande Carte” lo chef Giampietro Semperboni, pietra miliare - con il suo vice Davide Viganò - della cucina del panoramico Roof Garden, all’ultimo piano dell’Hotel Excelsior San Marco di Bergamo. Giampietro, classe 1974  (nativo di Lizzola, scuola alberghiera a Clusone) è qui in cucina da quando aveva 16 anni, dal 1990, arricchendo via via la sua professionalità alla scuola degli chef che si sono alternati. Dal 2013 ha preso in mano lui le redini della brigata e sta dimostrando con i fatti  la sua idea di buona e sana ristorazione. La sua cucina è classica, mediterraneo-lombarda, giocata su materie prime eccellenti, colori e gusti armoniosi: qualità delle materie prime e cucina del territorio. Non per nulla sfogliando il menù si incontra quello “tipico bergamasco”, cui si aggiunge un “menù vegano” e un menù dedicato a East Lombardy (proclamata  regione europea della gastronomia) che comprende un piatto tipico per ognuna delle province di Bergamo, Brescia, Mantova e Cremona.


Il Roof  Garden è certamente tra i più eleganti ristoranti di Bergamo, ben recensito su tutte le guide, ma soprattutto l’unico per la spettacolare veduta di Bergamo Alta che si ammira attraverso le vetrate o direttamente dalla terrazza. Una location incantevole, per dei menù incantevoli, che possono accontentare tutte le esigenze e tutti i gusti. Lo stesso bisogna subito dire del servizio di sala, molto preciso e professionale, con a capo il direttore Mirko Magoni, anche lui qui da ben 19 anni. Collaborano con lui Rinaldo Mozzi e Nunzio Ciotola. Per avvalorare il tutto, da segnalare che i prodotti biologici della Grand Carte provengono dal terreno della Società Agricola “O Sole bio”, di cui è socio Mirko Magoni.   La produzione si trova a Palosco (Bg) in un terreno di 2 ettari e con la presenza di una sorgente viva sotterranea che permette l’irrigazione senza altre contaminazioni esterne.


E veniamo ai piatti provati sul campo, scegliendo dalla Grande Carte. Due antipasti: ricciola in carpaccio, marinata al basilico con salsa alla pizzaiola; seppie e piovra croccanti, broccolo e salsa ai lamponi. Come primo piatto, ravioli ripieni di gamberi rossi siciliani e burrata pugliese con bisque ridotta.  Due assaggi di secondi piatti di pesce: branzino in lenta cottura con puntarelle padellate e salsa all’aglio dolce; storione alla pancetta e Lugana con verse stufate e polenta fritta (piatto che rappresenta Brescia nel menù East Lombardy).  Dolce: ravioli ripieni di frutta secca con biscotto Meliga e zabaione al Moscato di Scanzo. Tutto ok, con l’aggiunta di una lode per lo storione e il particolarissimo dolce mai assaggiato altrove.


Ultima nota per la cantina, ben fornita con circa 400 etichette. Giusto spazio anche per i vini del territorio bergamasco e lombardo. Consigliati i vini della Casa, i Franciacorta Docg di Ronco Calino, azienda del Gruppo Radici, lo stesso che detiene la proprietà dell’hotel e del ristorante. Noi abbiamo degustato il Brut, il Nature Millesimato 2011 e il Rosé “Radijan” impreziosito dalle sole uve di Pinot Nero. Per chi sceglierà il menù carne, da consigliare  “L’Arturo”, rosso fermo, anche questo Pinot Nero al 100%.

 

Tutti gli articoli >

Roberto Vitali
Roof garden a bergamo, un panorama di gusto al cospetto di città alta

Roberto Vitali

Roberto Vitali

Laureato in Lettere alla “Cattolica” di Milano, ho cominciato durante l’università a scrivere per il quotidiano della mia città, “L’Eco di Bergamo”, al quale – pur essendo oggi in età di pensione – continuo a collaborare sia sul cartaceo che sul sito web. Sono stato addetto stampa di enti pubblici, direttore di Teleorobica, direttore-editore del mensile “Bergamo a Tavola” (1986-1990)  poi trasformato in  “Lombardia a Tavola” (1990-2002) e poi venduto (oggi vive ancora trasformato in "Italia a Tavola"). Mi sono sempre occupato, oltre che della cronaca bianca della mia città, di enogastronomia e viaggi. Ho collaborato alla Rai-Gr1, vinto premi giornalistici in tutta Italia e scritto qualche libretto, tra cui “La cucina bergamasca – Dizionario enciclopedico” e una Guida dei ristoranti di Bergamo città e provincia. Mi piace l’Italia e tutto quello che di buono e bello sa offrire. Spero, con i miei scritti, di continuare a farla amare da tanti altri lettori. 338.7125981

Inserisci il tuo commento

Titolo
Commento rilasciato da
Email
Commento
Valutazione

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy
Nome e Cognome
Email
Telefono
Paese
Messaggio

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy

CAPTCHA Image
[ Cambia codice ]

Per poter inviare il messaggio inserisci qui il codice di sicurezza
Editore

Editore del Goloso & Curioso è la ditta Colombo 3000, un gruppo aziendale che si occupa da oltre 10 anni della...Leggi tutto»

Iscriviti alla Newsletter