Goloso e Curioso

Il maccherone!!!!

"Appena ha due soldi il popolo napoletano compra un piatto di maccheroni cotti e conditi;tutte le strade dei quartieri popolari hanno uno di queste osterie che istallano all'aria aperta le loro caldaie,dove i maccheroni bollono sempre,i tegami dove bolle il sugo di pomidoro, le montagne di cacio grattato[...]Anzi tutto,quest'apparato è molto pittoresco, è dei pittori lo hanno dipinto ed è stato da essi reso quasi lindo e quasi elegante, con l'oste che sembra un pastorello di Watteau; e nella collezione di fotografie napoletane che gli inglesi comprano vi è anche il banco del maccaronaro." Così scriveva Matilde Serao nel suo "Il ventre di Napoli" nel lontanissimo 1094, già da allora la scrittrice,giornalista seppe cogliere l'importanza che per questo popolo ha, la pasta, il maccherone!!! In tantissime scene dei film del Principe de Curtis,Totò, compare uno dei piatti simboli della cucina partenopea. Oggi il "maccaronaro" non esiste più, ma esiste ancora per i napoletani l'amore per la pasta, quella buona di grano duro, trafilata al bronzo e tutti gli chef giocano con questo alimento che sa regalare mille forme e colori. Io oggi come prima volta su questo portale vi propongo una ricetta mia personale, che vorrebbe essere un omaggio alla mia terra,un semplicissimo pacchero,il maccarone per eccellenza, ma rivisitato in chiave moderna ed economica, in cui si sposa l'anima contadina di Napoli con la sapidità del tonno e del pinolo. Buona lettura! Ingredienti 35 paccheri per commensale 2 scatolette di tonno sott'olio 1 confezione di pinoli 100 gr di fagiolini già lessati un cucchiaio abbondante di zenzero( se avete quello fresco è una benedizione, quello nei barattolini non ha proprio gusto! -.-') sale, olio Procedimento. Per prima cosa mettiamo a bollire i paccheri in acqua abbondante salata e prendete una pentola bella grande! Nel frattempo in padella diamo un poco di sapore ai fagiolini con olio e uno spicchio d'aglio vestito e battuto che poi toglieremo.Li insaporiamo con un cucchiaino abbondante di zenzero,diamo un tocco d'Oriente a questa ricetta. Ora passiamoli al frullatore e con l'aiuto di un po di olio e un cucchiaio di acqua calda, otteniamo una bella salsina bella verde! In un padellino mettete a tostare i pinoli, e appena freddi, una parte lasciateli interi,un'altra tritatela grossolanamente e aggiungeteli al tonno sgocciolato, mescolando un po e ottenendo una pappina gustosissima! Nel frattempo che noi avremo fatto tutti questi passaggi, la pasta sarà cotta scolatela moooolto delicatamente senza romperla e mettetela immediatamente in una bacinella con acqua fredda. Ora che abbiamo tutto procediamo alla parte divertente. Prepariamoci il piatto da portata mettiamo sul fondo una generosa dose di salsa a specchio. Ora imbottiamo il pacchero con il tonno, cercando di non far uscire nulla( si fa tranquillamente con le mani!) appoggiamo in bell'ordine i paccheri sulla salsa,lasciamo cadere qualche pinolo quì e lì per decorare un giro d'olio e et voilà, un piatto che farà un figurone con pochissimi semplici ingredienti ed anche veloce!

Tutti gli articoli >

Priscilla
Il maccherone!!!!

Priscilla

Priscilla

"Appena ha due soldi il popolo napoletano compra un piatto di maccheroni cotti e conditi;tutte le strade dei quartieri popolari hanno uno di queste osterie che istallano all'aria aperta le loro caldaie,dove i maccheroni bollono sempre,i tegami dove bolle il sugo di pomidoro, le montagne di cacio grattato[...]Anzi tutto,quest'apparato è molto pittoresco, è dei pittori lo hanno dipinto ed è stato da essi reso quasi lindo e quasi elegante, con l'oste che sembra un pastorello di Watteau; e nella collezione di fotografie napoletane che gli inglesi comprano vi è anche il banco del maccaronaro."
 Così scriveva Matilde Serao nel suo "Il ventre di Napoli" nel lontanissimo 1094, già da allora la scrittrice,giornalista seppe cogliere l'importanza che per questo popolo ha, la pasta, il maccherone!!! In tantissime scene dei film del Principe de Curtis,Totò, compare uno dei piatti simboli della cucina partenopea.
 Oggi il "maccaronaro" non esiste più, ma esiste ancora per i napoletani l'amore per la pasta, quella buona di grano duro, trafilata al bronzo e tutti gli chef giocano con questo alimento che sa regalare mille forme e colori.
 Io oggi come prima volta su questo portale vi propongo una ricetta mia personale, che vorrebbe essere un omaggio alla mia terra,un semplicissimo pacchero,il maccarone per eccellenza, ma rivisitato in chiave moderna ed economica, in cui si sposa l'anima contadina di Napoli con la sapidità del tonno e del pinolo. Buona lettura!
 Ingredienti
 3/5 paccheri per commensale
 2 scatolette di tonno sott'olio 1
 confezione di pinoli
 100 gr di fagiolini già lessati
 un cucchiaio abbondante di zenzero( se avete quello fresco è una benedizione, quello nei barattolini non ha proprio gusto! -.-')
 sale, olio
 Procedimento.
 Per prima cosa mettiamo a bollire i paccheri in acqua abbondante salata e prendete una pentola bella grande! Nel frattempo in padella diamo un poco di sapore ai fagiolini con olio e uno spicchio d'aglio vestito e battuto che poi toglieremo.Li insaporiamo con un cucchiaino abbondante di zenzero,diamo un tocco d'Oriente a questa ricetta. Ora passiamoli al frullatore e con l'aiuto di un po di olio e un cucchiaio di acqua calda, otteniamo una bella salsina bella verde! In un padellino mettete a tostare i pinoli, e appena freddi, una parte lasciateli interi,un'altra tritatela grossolanamente e aggiungeteli al tonno sgocciolato, mescolando un po e ottenendo una pappina gustosissima! Nel frattempo che noi avremo fatto tutti questi passaggi, la pasta sarà cotta scolatela moooolto delicatamente senza romperla e mettetela immediatamente in una bacinella con acqua fredda. Ora che abbiamo tutto procediamo alla parte divertente. Prepariamoci il piatto da portata mettiamo sul fondo una generosa dose di salsa a specchio. Ora imbottiamo il pacchero con il tonno, cercando di non far uscire nulla( si fa tranquillamente con le mani!) appoggiamo in bell'ordine i paccheri sulla salsa,lasciamo cadere qualche pinolo quì e lì per decorare un giro d'olio e et voilà, un piatto che farà un figurone con pochissimi semplici ingredienti ed anche veloce!
114_object.jpg15/10/2012

Inserisci il tuo commento

Titolo
Commento rilasciato da
Email
Commento
Valutazione

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy
Nome e Cognome
Email
Telefono
Paese
Messaggio

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy

CAPTCHA Image
[ Cambia codice ]

Per poter inviare il messaggio inserisci qui il codice di sicurezza
Editore

Editore del Goloso & Curioso è la ditta Colombo 3000, un gruppo aziendale che si occupa da oltre 10 anni della...Leggi tutto»

Iscriviti alla Newsletter