Goloso e Curioso
PARCO SIGURTA', EDEN A DUE PASSI DAL GARDA

PARCO SIGURTA', EDEN A DUE PASSI DAL GARDA

C’è un tesoro verde a due passi dal lago di Garda. È il Parco Giardino Sigurtà, già premiato nel 2013 come Parco Più Bello d’Italia e nel 2015 come Secondo Parco Più Bello d’Europa. 40 anni di apertura, 600.000 metri quadrati di boschi e prati, incantevoli fioriture stagionali: questo e molto altro è il Parco Sigurtà.
Tra i punti di interesse oltre a Tulipanomania, la fioritura più importante di tulipani a livello nazionale, da non perdere sono: 30.000 rose rifiorenti da maggio a settembre in due varietà sul Viale delle Rose, l’immagine per cui il Parco è conosciuto in tutto il mondo; le 30 varietà di dalie e centinaia di piante annuali nel viale delle Aiuole Fiorite, uno spettacolo tutto da fotografare da maggio ad ottobre; le centinaia di ninfee diurne, notturne e tropicali che con fior di loto, giacinti d’acqua, ibischi lacustri, papiri e falsi papiri colorano d’estate i 18 specchi d’acqua; il Labirinto con 1500 esemplari di tasso che abbracciano una torre, dalla quale si ammirano i 2500 metri quadrati del percorso; il Grande Tappeto Erboso, la distesa più vasta del Parco che ospita al centro due laghetti fioriti, dimora di carpe giapponesi e ninfee rustiche e tropicali; i luoghi di interesse storico, testimoni della storia secolare del Parco, come l’Eremo, tempietto in stile neogotico e il Castelletto, sede di incontri nel passato tra scienziati e Premi Nobel.
Alla conferenza stampa di presentazione della stagione erano Magda Sigurtà, proprietaria del Parco con il fratello Giuseppe, ha detto, tra l’altro: “Il Parco è uno scenario ideale dove vengono realizzati eventi di varia tipologia, per le tutte le età, come i Buskers Park (evento dedicato agli artisti di strada), Il Magico Mondo del Cosplay (con personaggi dei fumetti e della fantasia) e le Sfilate di carrozze e balli dell’800 come il calesse grazie al quale è nato il Parco. Nel 1941, infatti, Carlo Sigurtà imprenditore nel settore farmaceutico era a Valeggio per acquistare una carrozza e finì per acquistare questa immensa tenuta agricola. Quest’anno non mancheranno eventi dedicati allo sport come Gioca con i Campioni di Tennistavolo e gli appuntamenti dedicati allo yoga”. Magda Sigurtà ha poi ricordato il passaggio della Mille Miglia, per il terzo anno consecutivo, il prossimo 16 maggio per cui in quell’occasione il parco sarà cornice di queste opere d’arte della tecnologia e della tecnica.
Spazio anche alla musica con l’appuntamento con le Stelle della Lirica il 13 agosto e all’arte, oltre a Florart, e alle opere di land art, è in esposizione alla Rotonda degli Incanti la mostra di scultura Forme nella Natura, curata dagli studenti dell'Accademia di Belle Arti Santa Giulia di Brescia.
“Il Parco è cambiato ma resta fedele alla sua natura e nel rispetto del luogo servendosi della tecnologia per assecondare tutte le esigenze”, ha detto ancora Magda Sigurtà, “e lavoriamo sempre con passione; il nostro motto, è Laboravi Fidenter ed è con questo sentimento che mio fratello ed io e tutti i collaboratori operiamo ogni giorno, affrontando le sfide. Fedeltà, rispetto delle tradizioni, passione: gli ingredienti del successo che ci ha permesso di raggiungere importanti riconoscimenti internazionali. Infine ricordo con commozione l’anniversario dei 40 anni di apertura al pubblico di questo Parco e un grazie va ai giornalisti e a ciascun visitatore che apprezzano queste bellezze naturalistiche”.
Vania Valbusa, assessore all’Ambiente, Agricoltura ed Ecologia, in rappresentanza dell’amministrazione comunale di Valeggio ha affermato “il Parco Giardino Sigurtà è un polo attrattore di Valeggio: è un tripudio di colori, una gioia. Si è incentivata l’attenzione per i più piccoli e per i valeggiani come l’abbonamento stagionale per respirare e vivere la tranquillità di questo luogo. È un importante presenza per Valeggio e genera grandi flussi di turisti attirati da uno dei parchi più belli del mondo e ciò fa onore alla città di Valeggio. Ci sono margini di miglioramento per continuare la collaborazione tra il Parco e Valeggio e ringrazio il Giardino per la continua tenacia per rappresentare il territorio in tutto il mondo e a Valeggio.
Riccardo Romagnoli, direttore dell’Accademia di Belle Arti di Brescia Santa Giulia: “Per chi fa arte è fondamentale il contatto con la natura: il parco è musica per gli occhi, ogni angolo è straordinario, cambiano i luoghi, gli ambienti e le situazioni che quindi sono fonte di ispirazione. Ringrazio il Parco per questa fantastica opportunità che permette agli studenti di realizzare opere d’arte “portando” l’anima dentro le cose.
Massimo Tantardini, coordinatore del Corso di Laurea in Comunicazione e Grafica della suddetta accademia ha dichiarato: “Sono in un luogo bellissimo e la bellezza piace a tutti universalmente; testa e cuore e mani sono gli strumenti per dare senso alla bellezza sconfinata del Parco e lo spazio si modifica attraverso l’opera degli uomini nel tempo. Gli studenti, che hanno curato la mostra Florart, hanno creato un percorso di ricerca e interazione, attraverso la grafica e la comunicazione, con questo luogo.
Francesca Rosina che ha seguito il progetto Florart ha detto: “Oggi vi sono i 3 elaborati scelti e ho coordinato questo gruppo di lavoro iniziando con una fase ricerca che si è sviluppata in storie diverse per ogni studente: dall’idea al bozzetto, per poi realizzare elementi iconografici simili, ma a seconda delle differenti sensibilità, concentrandosi sul tema dei 40 anni di apertura al pubblico del Parco.
Cecilia Comencini che ha coordinato il progetto di land art, ha affermato che si tratta di opere d’arte realizzate “Non da artisti, ma che comunque sono artistiche; è stato recuperato il materiale vegetale del Parco facendolo “nascere” in opere collocate in vari punti del parco. Gli allievi della Nuova Accademia del Design di Verona con passione e cura hanno realizzato queste creazioni facendole “vivere” in un contesto meraviglioso già di per sé”.
Le novità stagione 2018: c’è una nuova opzione di visita: oltre alle consuete modalità come la visita a piedi, il giro a bordo del trenino panoramico, il noleggio dei golf-cart elettrici, il tour guidato sullo shuttle, la possibilità di visitare il Parco in bicicletta (sia noleggiandola sia con la propria bici) dal 2018 il servizio renting propone le biciclette elettriche destinate alle famiglie con bambini piccoli e ai meno giovani. Un dolce pensiero per tutti gli innamorati: nelle vicinanze dell’Eremo, le coppie potranno vivere un momento romantico nel verde o scattare un selfie sulla panchina degli innamorati circondata da favolose rose, simbolo dell’amore.
La stagione 2018 ha preso il via lo scorso 8 marzo, regalando una tre giorni di ingresso gratuito per le donne, e in queste settimane il Parco Giardino Sigurtà sta accogliendo lo spettacolo di Tulipanomania: 300 varietà di tulipani accompagnati a muscari, giacinti e narcisi tutti da ammirare in forma libera o in elegantissime aiuole completamente ridisegnate in nuove composizioni floreali. E poi lunghissime passeggiate fiorite, le 300 favolose aiuole galleggianti nei laghetti, il Narciso Sigurtà: questo e molto altro rappresenta la fioritura più ricca di tulipani del Sud Europa.
Le due novità di Tulipanomania 2018 sono: le aiuole di tulipani realizzate dai 150 alunni delle scuole elementari di Valeggio sul Mincio nominati dal Conte Sigurtà ambasciatori ufficiali di Tulipanomania 2018 e il Tulipano Friendship (Darwin Hybrid) simbolo dell’amicizia degli stati e tulipano ufficiale del festival canadese dei tulipani 2018 (World Tulip Summit) a cui il Parco ha partecipato rappresentando l’Italia.
Anche per la stagione 2018 prosegue la collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Brescia Santa Giulia: tantissimi allievi si sono cimentati in tecniche grafiche, fotografiche e pittoriche per la mostra Florart che sarà allestita dal 26 maggio nelle stanze adiacenti alla Fattoria Didattica. Sono state premiate le tre opere scelte dalla famiglia Sigurtà: Matteo Fostinelli, Gaia Moreschi e Carlo Quaranta hanno saputo rappresentare e quindi celebrare il tema della mostra, ovvero i 40 anni di apertura al pubblico del Parco (Carlo Sigurtà decise di aprire ai visitatori questo tesoro green il 19 marzo 1978).
Durante la conferenza sono state anche premiate le creazioni degli studenti della Nuova Accademia del Desing di Verona che hanno realizzato con materiali principalmente di recupero provenienti dal Parco (come legno, bambù, rami, foglie) opere di land art, rappresentando il legame tra arte e natura. La famiglia Sigurtà ha scelto di premiare Per troppo amore di Stefania Colusso ed Elena Tezza, Leggerezza di Paula Martinut e Francesca Cenci e Ceci n’est pas un miroir di Florin Coronidi, Giulia Marchi e Martina Marchesini.

Tutti gli articoli >

Morello Pecchioli
Parco sigurta', eden a due passi dal garda

Morello Pecchioli

Morello Pecchioli

Direttore di Golosoecurioso. Giornalista professionista. Archeogastronomo. È stato caposervizio del giornale L’Arena di Verona. Ha scritto i libri “Il Bianco di Custoza”; “Il rosto e l’alesso, la cucina veronese tra l’occupazione francese e quella austriaca”; “Berto Barbarani il poeta di Verona”. Scrive per la rivista nazionale dell'Associazione italiana sommelier "Vitae", per "Il sommelier veneto" e per il quotidiano nazionale La Verità diretto da Maurizio Belpietro. Ha collaborato, con Edoardo Raspelli, alla Guida l’Espresso. È ispettore della guida "Best gourmet dell'Alpe Adria". Ha vinto i premi Cilento 2006; Giornalista del Durello 2007; Garda Hills 2008. Nel 2016 ha avuto il prestigioso riconoscimento internazionale Premio Ischia per la narrazione enogastronomica. Nel 2016 ha scritto il libro "Le verdure dimenticate" e nel 2017 "I frutti dimenticati", pubblicati entrambi da Gribaudo. Sempre per Gribaudo ha scritto "Il grande libro delle frittate". In collaborazione con Slow Food ha pubblicato nel 2018 il volumetto sul presidio "Il broccoletto di Custoza".
Indirizzo mail: morello.pecchioli@golosoecurioso.it

Inserisci il tuo commento

Titolo
Commento rilasciato da
Email
Commento
Valutazione

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy
Nome e Cognome
Email
Telefono
Paese
Messaggio

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy

CAPTCHA Image
[ Cambia codice ]

Per poter inviare il messaggio inserisci qui il codice di sicurezza
Editore

Editore del Goloso & Curioso è la ditta Colombo 3000, un gruppo aziendale che si occupa da oltre 10 anni della...Leggi tutto»

Iscriviti alla Newsletter